@alelami

Panchina lunga e quarto cambio

113
22/01/2014 19:29
Mestiere difficile il fantallenatore. Venti anni fa era tutto piu' semplice, piu' lineare, piu' certo. La rosa di quasi tutte le squadre del campionato di serie A era ridotta a 20-25 giocatori, almeno nove undicesimi dei titolari era consolidato, direi quasi intoccabile e anche gli infortuni, veri o presunti, erano piu' rari. In sostanza il compito di un fantallenatore era piu' facile. In molte circostanze capitava di lasciare la formazione inalterata per piu' settimane senza correre rischi di "voto d'ufficio" o addirittura di uno "zero", quasi sempre letale nelle fantapartite. Anno dopo anno la situazione si e' complicata. Rose allargate, infortuni "diplomatici", lotte di potere tra societa' e procuratori che a volte impongono o suggeriscono questo o quel giocatore, clausole contrattuali che scattano al raggiungimento di determinate soglie di partite giocate, cambi regolamentari: tutto lavora contro il fantallenatore che deve prevedere non solo o non tanto chi segnera' e chi prendera' un bel voto ma anche chi giochera', sia nel breve che nel lungo periodo. Il tutto senza avere il controllo delle informazioni necessarie per fare delle scelte ponderate: in pratica un po' come giocare alle slot-machine dove tutto o quasi e' affidato alla sorte. In pratica l'ansia di trovare 11 giocatori abili ed arruolati per la domenica successiva inizia fin dal lunedi' mattina, nell'istante stesso in cui si consolida il voto della giornata appena trascorsa e si comincia a guardare al prossimo turno. Le probabili formazioni pubblicate su siti e quotidiani sono spesso un trabocchetto, vuoi per la pretattiche degli allenatori vuoi perche' spesso gli allenamenti importanti per capire l'orientamento del mister verso la partita successiva sono off-limit per i giornalisti. Per queste ragioni sono favorevole alla fantapanchina lunga,ora nella mia fantalega e' possibile portare in panchina 12 giocatori (un po' come in serie A), e alla possibilita' di avere un quarto cambio.
 
comments powered by Disqus